La responsabilità penale del consulente fiscale per il visto di conformità

Di Roberto Crepaldi -

Il contributo analizza, nel più ampio contesto della responsabilità del professionista per il cd. consiglio tecnico, la rilevanza concorsuale del commercialista per aver apposto un visto di conformità non conforme con riguardo al delitto di indebita compensazione e ai reati dichiarativi, cercando di individuare, già sul piano materiale prima ancora che su quello soggettivo, una distinzione tra legittimo esercizio del mandato professionale e illecito penale.

The following work analyzes, in the larger background of the professional’s liability for the technical advice, the relevance of realising a non-compliant visto di conformità (stamp of approval) as conspiracy in the crimes of undue clearing and misreporting, trying to identify, in the conduct even before the mens rea, a distinction between legitimate exercise of the professional mandate and criminal offense.