La “convenienza economica” della nuova “transazione fiscale” tra vincoli europei, ratio concorsuale propria e contenuto della “tutela” devoluta

Di Stefano Fiorentino -

La “convenienza economica” della “transazione fiscale”, se valorizzata sul piano sistematico con particolare riguardo alla prospettiva del diritto unionale, delinea una ratio concorsuale propria di tale istituto, specifica e distinta rispetto alla ratio concorsuale generale del codice della crisi. Le “valutazioni” (amministrative e giudiziali) concernenti il requisito legale in questione, tuttavia, pur se di tipo “vincolato”, non ineriscono all’attuazione/controllo della “fattispecie legale tributaria”, espressiva come tale di una scelta di concorso alle spese pubbliche ex art. 53 Cost.; per tale ragione, esse esulano dall’esercizio della funzione impositiva, così come dal controllo giurisdizionale su quest’ultima.  Da ciò discende che “la tutela” giudiziale correlata all’art. 182 ter l.f. pare coerentemente e linearmente devoluta al Tribunale fallimentare, senza che tale riparto implichi alcuna deroga “eccezionale” alla giurisdizione rimessa al Giudice speciale tributario.

The “economic convenience” of the “tax transaction”, if valued on a systematic level with particular regard to the perspective of EU law, outlines an insolvency ratio typical of this institution, specific and distinct from the general insolvency ratio of the crisis code. The “assessments” (administrative and judicial) concerning the legal requirement in question, however, even if a “restricted” type, do not concern the implementation / control of the “taxation rule”, expressive as such of a choice to contribute to costs public ex art. 53 of the Constitution; for this reason, they fall outside the exercise of the tax function, as well as from the judicial control over the latter. From this it follows that the judicial “protection” related to art. 182 ter of the Bankruptcy law seems to be coherently and linearly devolved to the bankruptcy court, without this division implying any “exceptional” derogation from the jurisdiction entrusted to the special tax judge