Le mance percepite dai portieri di albergo (e simili) al confine tra liberalità e retribuzione

Di Luca Costanzo -

Con la sentenza in commento, la Cassazione perviene ad un’applicazione estensiva del criterio di onnicomprensività del reddito da lavoro dipendente col ricondurre a tale categoria le mance erogate dai clienti di una struttura ricettiva ad un suo dipendente. Se il principio di diritto espresso dalla Suprema Corte sembra marginalizzare i tratti salienti della nozione reddituale ex art. 49 Tuir, la decisione nel suo complesso offre il destro per una riflessione sui limiti e le condizioni di operatività del canone di onnicomprensività, e sul suo rapporto con i principi della riserva di legge e della prevedibilità dell’imposizione reddituale.

With the ruling in question, the Supreme Court reaches an extensive application of the all-inclusive regime of employee income, attributing to this category the tips paid by customers of an accommodation facility in Sardinia to their concierge. If the principle of law expressed by the Supreme Court seems to marginalize the salient features of the notion of income pursuant to art. 49 Tuir, on the other hand, the sentence offers a starting point for a reflection on the limits of the all-encompassing principle, and for its coordination with the principle of the rule of law and with the predictability of income tax.