Remarks on Royal Bank of Canada v HMRC [2020] and the «Immovable Property» definition as per Article 6(2) DTCs

Di Roberto Scalia -

La sentenza in annotazione, pronunciata dal First Tier Tribunal inglese affronta il tema dell’applicazione della regola contenuta nell’art. 6 delle Convenzioni contro le doppie imposizioni (CDI). La questione devoluta alla Corte inglese riguarda l’applicazione della norma in questione ai pagamenti connessi a finanziamenti concessi nel settore minerario che, tuttavia, non derivino dall’attività estrattiva. La Corte ha risolto la questione soffermandosi sulla definizione di “bene immobile” ex art. 6, par. 2 alla luce delle indicazioni provenienti dal Commentario al Modello OCSE e da quanto emerge dal coordinamento sistematico con altre disposizioni convenzionali. La pronuncia, che ha il merito di porre al centro del dibattito un tema troppo a lungo messo ai margini degli studi del diritto internazionale tributario, presta il fianco ad alcune critiche e stimola alcune riflessioni in merito al ruolo della definizione di “bene immobile” nella sistematica del Modello OCSE.

The Case decided by the UK First Tier Tribunal addresses the rule embodied in Art. 6 of the Double Taxation Conventions (DTCs). The case brought before the English Court topic was the DTC’s treatment of remuneration of financing in the O&G sector that, nonetheless, do not derive from the extractive activity. The Court decided the case focussing on the definition of ‘immovable property’ as per Art. 6(2) in light of the Commentary to the OECD Model and the systematic reading with other treaty rules. The Court’s decision, that has the merit of putting in the spotlight a long-neglected topic of international tax law, can be criticised and lead to some thoughts about the role of the ‘immovable property’ definition in the OECD Model context.