La sospensione del processo tributario in caso di presentazione di querela di falso

Di Antonio Marinello -

(comment a/notes to Cass., ord. 4 novembre 2020, n. 24620)

 

Abstract

In materia di querela di falso, il giudice tributario è tenuto a sospendere il giudizio fino al passaggio in giudicato della decisione in ordine alla querela, trattandosi di accertamento pregiudiziale riservato ad altra giurisdizione e di cui egli non può conoscere neppure incidenter tantum. Per la Corte di Cassazione (ord. 4 novembre 2020, n. 24620), tuttavia, in caso di presentazione di detta querela, il giudice tributario non deve semplicemente prenderne atto e sospendere il giudizio, ma è tenuto a verificare la pertinenza di tale iniziativa processuale e la sua rilevanza ai fini della decisione.

Suspension of tax trial in the event of false complaint submission. – In the case of false complaints, the tax judge is required to suspend the judgement until the decision on the complaint has been res judcata, as a preliminary ruling reserved to another court. As far as the Court of Cassation (order n. 24620, 4 November 2020) is concerned, however, in the event of the submission of such a complaint, the tax judge shall not simply suspend the judgement, but is required to verify the relevance of this procedural initiative and its significance to the decision.

 

 

Sommario: 1. L’ordinanza della Corte di Cassazione 4 novembre 2020, 24620: considerazioni introduttive. – 2. Presentazione di una querela di falso e sospensione del processo tributario. – 3. Il ruolo del giudice tributario nel disporre la sospensione del giudizio: pertinenza della querela e rilevanza ai fini della decisione.

1. Con una recente ordinanza (4 novembre 2020, n. 24620), la Corte di Cassazione è tornata a pronunciarsi sulle condizioni richieste affinché la presentazione di una querela di falso possa legittimamente determinare la necessità di sospendere il processo tributario (sullo stesso tema si veda altresì l’ordinanza della Cassazione 4 febbraio 2020, n. 2482).

In breve, la vicenda portata all’attenzione della Suprema Corte trae origine dal ricorso in primo grado avverso un avviso di accertamento in materia di Irpef, Irap e IVA per il periodo di imposta 2006, la cui proposizione era stata ritenuta tardiva dalla Commissione tributaria provinciale di Trapani. Anche nel secondo giudizio di merito, il giudice tributario aveva confermato l’inammissibilità del ricorso, ritenendo rituale il procedimento di notifica dell’atto impositivo – eseguito ai sensi dell’art. 14, L. n. 890/1982, a mezzo del deposito presso l’ufficio postale – e tardiva l’iniziativa processuale del contribuente che, a proprio arbitrio, si era determinato a compiere una verifica presso l’ufficio postale quando ormai era decorso il termine per l’impugnazione dell’atto.

Avverso tale pronuncia, il contribuente ha infine proposto ricorso per Cassazione, articolando la propria doglianza in due motivi principali: da un lato, assumendo l’inesistenza della notifica dell’avviso di accertamento per la mancata osservanza della procedura prevista dalla legge; dall’altro, lamentando la possibile violazione dell’art. 39, D.Lgs. n. 546/1992 su un punto decisivo della controversia, in relazione all’art. 360 c.p.c., nn. 3 e 4. In particolare, stando alla prospettazione della parte ricorrente, il giudice tributario avrebbe dovuto necessariamente ed automaticamente sospendere il giudizio in presenza di un procedimento di querela di falso, relativo proprio alla procedura di notifica.

Il primo motivo è stato ritenuto inammissibile per difetto del requisito dell’autosufficienza, non avendo il ricorrente riprodotto la relata della notifica in questione, né indicato il tempo ed il luogo della relativa produzione nel giudizio di merito, a ciò conseguendo che la notifica doveva ritenersi perfezionata per compiuta giacenza al decimo giorno dal deposito dell’atto presso l’ufficio postale (cfr., per conclusioni corrispondenti, in casi analoghi, Cass., 28 febbraio 2017, n. 5077; Cass., 30 novembre 2018, n. 31038).

Il secondo motivo, invece, così come proposto, è stato ritenuto infondato dalla Suprema Corte, che ha precisato come la sospensione della fase contenziosa non possa conseguire sempre in modo automatico alla mera proposizione di una querela di falso di fronte al giudice ordinario. Per la Cassazione, infatti, in linea generale è ben vero che l’art. 39, D.Lgs. n. 546/1992, impone al giudice tributario di sospendere il giudizio fino al passaggio in giudicato della decisione in ordine alla querela di falso, trattandosi di accertamento pregiudiziale riservato ad altra giurisdizione, e di cui egli non può conoscere neppure incidenter tantum. Tuttavia, allorchè la querela venga effettivamente presentata, la Commissione tributaria non deve limitarsi a prenderne atto e a sospendere in via automatica il giudizio, ma è tenuta sempre a verificare la pertinenza di tale iniziativa processuale in relazione al documento impugnato e la sua rilevanza ai fini della decisione (in senso conforme, si veda altresì Cass., ord. 30 novembre 2017, n. 28671).

Nel caso specifico, il motivo di ricorso non riproduceva in alcun modo il contenuto della querela di falso, che sarebbe stata proposta in via principale dinanzi al Tribunale di Marsala, scontando altresì l’ulteriore difetto di specificità quanto alla formulazione del primo motivo, con l’inevitabile conseguenza del rigetto del ricorso.

2. Al di là delle evidenti specificità del caso, la pronuncia in questione è senz’altro di interesse, in quanto consente di individuare con precisione le relazioni che intercorrono tra il normale decorso del processo tributario e l’eventuale proposizione di una querela di falso.

Come è noto, nelle disposizioni che regolano il contenzioso tributario si fa espresso riferimento a detta querela agli artt. 2, comma 3, e 39, D.Lgs. n. 546/1992.

La prima norma si preoccupa di evidenziare la carenza assoluta di giurisdizione delle Commissioni tributarie in materia di querela di falso, tanto che tale questione non può essere decisa neppure in via incidentale dal giudice tributario, ma deve essere necessariamente devoluta alla cognizione del giudice ordinario (la necessità di procedere all’accertamento della genuinità di un documento “una volta per tutte in via principale” dal giudice ordinario con efficacia di giudicato era già messa in evidenza da Allorio E., Diritto processuale tributario, Milano, 1942, 424; per la dottrina più recente, si veda in argomento Marello E., La giurisdizione delle commissioni tributarie, commento all’art. 2, D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, Codice commentato del processo tributario, a cura di Tesauro F., Torino, 2016, 37).

L’art. 39, poi, al primo comma, disciplina le due più tradizionali e risalenti ipotesi di sospensione necessaria del processo tributario (cfr. Della Valle E., Sospensione, interruzione ed estinzione del processo tributario, in Aa. Vv., Il processo tributario, Giurisprudenza sistematica di diritto tributario, diretta da Tesauro F., Torino, 1999, 606), che si verificano, appunto, allorché venga presentata querela di falso, oltre che nei casi in cui debba essere decisa in via pregiudiziale una questione sullo stato e la capacità delle persone, salvo che si tratti della capacità di stare in giudizio (al riguardo, è da ricordare che il D.Lgs. n. 156/2015 ha inserito nell’art. 39 D.Lgs. n. 546/1992 i commi 1-bis e 1-ter, prevedendo con il primo la sospensione necessaria per pregiudizialità “interna”, nel caso in cui debba essere risolta una controversia tributaria pregiudiziale dalla cui decisione dipende la decisione della causa, ed introducendo con il secondo un’ipotesi di sospensione del processo su richiesta conforme delle parti, allorchè sia iniziata una procedura amichevole ai sensi delle Convenzioni contro le doppie imposizioni, ovvero ai sensi della Convenzione arbitrale 23 luglio 1990, n. 90/463/CEE; in argomento, Consolo C. – Stella M., Art. 39, D.lgs. n. 546/1992 – Sospensione del processo, in Glendi C. – Consolo C. – Contrino A., Abuso del diritto e novità sul processo tributario, Milano, 2016, 188 ss.).

In passato, si discuteva della necessità di sospendere il processo tributario anche nell’ipotesi di presentazione di un’istanza di verificazione. Il disconoscimento della valenza probatoria di un documento, invero, non riguarda soltanto e necessariamente un atto pubblico, ma può bensì avere ad oggetto una scrittura privata ed in questo caso la parte interessata può accedere alternativamente a due rimedi, la querela di falso o il disconoscimento ai sensi dell’art. 214 c.p.c. Al riguardo, l’orientamento giurisprudenziale prevalente è nel senso di prevedere anche per questa ipotesi la sospensione necessaria del giudizio, posto che il giudice tributario non può avvalersi ai fini probatori di una scrittura privata disconosciuta, in mancanza di adeguata verificazione della stessa “nelle forme di legge, previa sospensione del processo” (in questi termini, da ultimo, Cass., 19 ottobre 2018, n. 26402 e, in dottrina, Della Valle E., Le c.d. vicende anomale nel processo tributario, in Rass. trib., 2020, 1, 161).

Del resto, è quasi superfluo ricordare che nel processo civile è talvolta possibile contrastare la prova documentale con strumenti istruttori più ampi rispetto a quelli riservati al rito tributario: basti pensare alla possibilità di ammettere (ex art. 2723 c.c.) la prova testimoniale per dimostrare l’intervento, successivo alla formazione di un contratto, di un patto aggiunto o contrario al contenuto di esso. Nel processo tributario, invece, essendo inammissibile per espressa disposizione dell’art. 7, comma 4, D.Lgs. n. 546/1992 la prova testimoniale, il documento prodotto agli atti di causa rimane avversabile solo attraverso il disconoscimento e la verificazione di scrittura privata, o, appunto, la querela di falso.

Quest’ultimo, in particolare, è un mezzo di prova la cui portata processuale costituisce il naturale contrappeso alla valenza probatoria conferita nel nostro ordinamento ad una prova forte come quella documentale e rappresenta lo strumento giudiziario attraverso il quale è possibile contestare che al documento prodotto in giudizio possa riconoscersi la particolare efficacia di prova legale di cui agli artt. 2700 e 2702 c.c. Tale procedura è dunque esperibile nei confronti dell’atto pubblico e della scrittura privata riconosciuta, autenticata o verificata, entro gli stessi limiti in cui alle risultanze di tali atti la legge attribuisce efficacia di prova legale (cfr. Denti V., Querela di falso, in Nov.mo Dig. It., XIV, Torino, 1967, 660 ss.; Verde G., Querela di falso, in Enc. giur., XXV, Roma, 1991, 1).

Ai sensi dell’art. 221 c.p.c., la querela di falso può essere proposta in qualunque stato e grado del giudizio, finché la verità del documento non sia stata accertata con sentenza passata in giudicato. Essa deve contenere, a pena di nullità, l’indicazione degli elementi e delle prove della falsità e deve essere proposta personalmente dalla parte oppure a mezzo di procuratore speciale, con apposito atto di citazione.

Il procedimento di falso presuppone in tutta evidenza una contestazione in ordine alla genuinità di un documento, alla sua effettiva provenienza o attribuzione alla persona che se ne dichiara autore. Esso mira, in definitiva, a privare un atto pubblico o una scrittura privata riconosciuta della sua intrinseca idoneità a far fede e, attraverso la relativa declaratoria, intende conseguire il risultato di provocare la completa rimozione del valore giuridico del documento, eliminandone l’efficacia sua propria, nonché qualsiasi ulteriore effetto attribuitogli dalla legge, a prescindere dalla concreta individuazione dell’autore della falsificazione (in proposito, si veda Farina P., La querela civile di falso. II. Profili teorici e attuativi, Roma, 2018, 147 ss.). Laddove siffatte finalità non siano perseguite, ma si controverta unicamente su di un errore materiale incorso nel documento (configurabile nel caso di mera ‘svista’, che non incide sul suo contenuto sostanziale), il rimedio processuale in questione non è ammissibile (cfr. Galluzzi G., Commento all’art. 39, in Il nuovo processo tributario, a cura di Baglione T. – Menchini S. – Miccinesi M., Milano, 2004, 436 e 437).

A seconda dei casi, poi, la falsità può investire il profilo estrinseco del documento (c.d. falsità materiale), ovvero la sua “genuinità”, manifestandosi sia nelle forme della contraffazione (ad es. la formazione del documento da parte di chi non ne è l’autore apparente), che dell’alterazione (ad es. la modifica del documento originale). Laddove invece la falsità sia riferita alla “verità” del documento, ossia all’enunciazione falsa del suo contenuto, si viene a configurare la “falsità ideologica”, che può formare oggetto di querela di falso limitatamente per ciò che concerne l'”estrinseco” del documento, come nel caso dell’atto pubblico del notaio che falsamente attesti la veridicità di una dichiarazione compiuta innanzi a lui (cfr. Andrioli V., Commento al codice di procedura civile, Napoli, 1960, 154; De Stefano G., Falso (querela di), in Enc. dir., XLIV, Milano, 1967, 700 ss.).

Per completezza, infine, si può ricordare in questa sede che ai sensi dell’art. 221, ultimo comma, c.p.c., nel processo per querela di falso è obbligatorio l’intervento del pubblico ministero. Intervento che trova fondamento nell’esigenza di tutelare interessi generali in tema di pubblica fede e di ricerca dell’autore della falsità. La partecipazione del pubblico ministero, peraltro, non va intesa nel senso di “partecipazione attiva al processo”, essendo sufficiente la tempestiva comunicazione degli atti all’ufficio del medesimo, per consentirgli di intervenire nel giudizio, mentre la partecipazione effettiva e “la formulazione delle conclusioni sono rimesse alla sua diligenza” (in questi termini, ad es., Cass., 24 maggio 2005, n. 10894). Non è richiesta, insomma, la presenza di un rappresentante di quell’ufficio nelle udienze, né la formulazione di conclusioni da parte del medesimo, essendo sufficiente che egli sia informato del procedimento, per essere posto in condizione di svolgere l’attività che ritenga opportuna (Cass., 2 ottobre 2013, n. 22567; Cass., 16 ottobre 2014, n. 21952).

3. Tornando agli effetti della presentazione di una querela di falso sul normale decorso del processo tributario, l’art. 39, D.Lgs. n. 546/1992 impone, come già visto, di sospendere il giudizio dinanzi alle Commissioni tributarie fino al passaggio in giudicato della decisione in ordine alla querela stessa (o fino a quando non si sia altrimenti definito il relativo giudizio), trattandosi di accertamento pregiudiziale riservato ad altra giurisdizione. Ai fini della sospensione del processo tributario per pregiudizialità esterna, peraltro, la querela di falso disciplinata dagli artt. 221 c.p.c. ss. non è equiparabile alla denuncia-querela proposta in sede penale, perché l’art. 39, comma 1, D.Lgs. n. 546/1992 detta una prescrizione normativa unica, che individua uno specifico strumento processuale e non altro (cfr. Cass., 17 gennaio 2019, n. 1148).

La sospensione comporta l’arresto temporaneo dello svolgimento del processo, destinato a riprendere il proprio corso nel momento in cui verrà meno la causa per la quale è stata disposta la sospensione. Finchè il giudizio rimane sospeso, è precluso il compimento di qualsiasi attività ed è altresì annullato ad ogni effetto il decorso del tempo.

Nel caso che qui interessa, i presupposti essenziali affinché il giudice tributario debba disporre la sospensione vanno identificati precisamente nella presentazione di rituale querela di falso e nell’accertata rilevanza di tale iniziativa processuale ai fini della decisione della controversia. In presenza di tali presupposti, alla Commissione tributaria rimane in ogni caso preclusa ogni ulteriore valutazione, sia pure puramente prognostica, in relazione al fumus boni iuris o al merito della querela, dovendosi altresì escludere un sindacato sull’idoneità dei mezzi di prova offerti dalla parte interessata a privare di efficacia probatoria il documento contestato (cfr. Russo A., La querela di falso nel processo tributario, in il fisco, 2012, 4256 ss.; Carnimeo D., La sospensione del processo tributario in presenza di querela di falso contro la “relazione di notifica” di un atto tributario – Nota a sentenza Corte Cass., 14 dicembre 2018, n. 32441, in Boll. trib., 2019, 381 ss.; Della Valle E., Le c.d. vicende anomale nel processo tributario, cit., 155; Azzoni V., Il disconoscimento della scrittura privata nel processo tributario e l’azione di querela di falsoNota a ordinanze Corte Cass. 6 aprile 2020, n. 7689 e Corte Cass. 17 maggio 2019, n. 13333, in Boll. trib., 2020, 1605 ss.).

La decisione in commento precisa e valorizza opportunamente questi principi, ribadendo l’orientamento secondo il quale il giudice tributario non può limitarsi a prendere semplicemente atto della proposizione della querela, per poi disporre in via automatica ed acritica la sospensione del giudizio. Al contrario, la funzione che è chiamato a svolgere non è meramente passiva, gli si richiede piuttosto di procedere ad una valutazione – insindacabile in sede di legittimità – circa la pertinenza di tale iniziativa processuale in relazione al documento contestato, nonché in ordine alla sua rilevanza ai fini della decisione (in termini emblematici, si vedano altresì Cass., 19 febbraio 2009, n. 4003; Cass., 7 agosto 2009, n. 18139 e, in dottrina, Gaffuri A., Sospensione del processo e cause, commento all’art. 39, D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, in Codice commentato del processo tributario, cit., 593 ss.).

Tale accertamento, inoltre, deve essere condotto in modo specifico e puntuale, dovendosi escludere che una simile valutazione possa essere condotta in maniera superficiale o sommaria. In questo senso, la ponderazione richiesta al giudice risponde all’esigenza di evitare ogni possibile pregidizio alla speditezza del processo, affinchè il provvedimento di sospensione non finisca per costituire un inutile intralcio al corretto esercizio della funzione giurisdizionale, in spregio ai principi ed alle regole posti a presidio del giusto processo (in argomento, Fimiani P., Il processo tributario: questioni sulla durata, sulle garanzie del contraddittorio e sulla terzietà del giudice, in Convenzione europea dei diritti dell’uomo e giustizia tributaria italiana, a cura di Bilancia F. – Califano C. -Del Federico L. – Puoti P., Torino, 2014, 458).

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE 

Allorio E., Diritto processuale tributario, Milano, 1942, 424 ss.

Azzoni V., La sospensione del processo tributario per pregiudizialità dopo le modifiche apportate all’art. 39 del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546 – Riflessioni intorno alla querela di falso, in Boll. trib., 2018, 1134 ss.

Azzoni V., Il disconoscimento della scrittura privata nel processo tributario e l’azione di querela di falsoNota a ordinanze Corte Cass. 6 aprile 2020, n. 7689 e Corte Cass. 17 maggio 2019, n. 13333, in Boll. trib., 2020, 1605 ss.

Carnimeo D., La sospensione del processo tributario in presenza di querela di falso contro la “relazione di notifica” di un atto tributario – Nota a sentenza Corte Cass., 14 dicembre 2018, n. 32441, in Boll. trib., 2019, 381 ss.

Della Valle E., Sospensione, interruzione ed estinzione del processo tributario, in Aa.Vv., Il processo tributario, Giurisprudenza sistematica di diritto tributario, diretta da Tesauro F., Torino, 1999, 601 ss.

Della Valle E., Le c.d. vicende anomale nel processo tributario, in Rass. trib., 2020, 1, 155 ss.

Denti V., Querela di falso, in Nov.mo Dig. It., XIV, Torino, 1967, 660 ss.

Farina P., La querela civile di falso. II. Profili teorici ed attuativi, Roma, 2018

Fimiani P., Il processo tributario: questioni sulla durata, sulle garanzie del contraddittorio e sulla terzietà del giudice, in Convenzione europea dei diritti dell’uomo e giustizia tributaria italiana, a cura di Bilancia F. – Califano C. – Del Federico L. – Puoti P., Torino, 2014, 453 ss.

Gaffuri A., Sospensione del processo e cause, commento all’art. 39, D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, in Codice commentato del processo tributario, a cura di Tesauro F., Torino 2016, 593 ss.

Galluzzi G., Commento all’art. 39, in Il nuovo processo tributario, a cura di Baglione T. – Menchini S. – Miccinesi M., Milano, 2004, 415 ss.

Mandrioli C., Corso di diritto processuale civile, II, Torino, 2000, 216 ss.

Marello E., La giurisdizione delle commissioni tributarie, commento all’art. 2, D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, Codice commentato del processo tributario, a cura di Tesauro F., Torino, 2016, 37 ss.

Marini G., Note in tema di sospensione del processo tributario, in Rass. Trib., 2005, 4, 1046 ss.

Marini G., Le vicende anomale del processo tributario, in Della Valle E. – Ficari V.- Marini G., Il processo tributario, Padova, 2008, 503 ss.

Marini G., La giurisdizione in materia fiscale: il processo tributario, in Aa.Vv., Fondamenti di diritto tributario, Padova, 2020, 565 ss.

Russo A., La querela di falso nel processo tributario, in il fisco, 2012, 4256 ss.

Tesauro F., Manuale del processo tributario, Torino, 2020, 185 ss.

Verde G., Querela di falso, in Enc. giur., XXV, Roma, 1991, 1 ss.

Scarica il commento in formato pdf

Tag:, , , , , , ,