La norma di contrasto al trasferimento della residenza fiscale delle persone fisiche e la sua valenza nel processo penale tra giudizio cautelare e di merito.

Di Federica Campanella -

(commento a/notes to Cass. Pen., Sez. III, 21 ottobre 2020, n. 29095)

Abstract

La sentenza n. 29095/2020 della Corte di Cassazione offre interessanti spunti di riflessione sulle conseguenze penali connesse alla contestazione della residenza fiscale italiana delle persone fisiche che emigrano in Paesi a fiscalità privilegiata. Il caso in esame riguarda un ex calciatore professionista, cui viene contestata la violazione dell’art. 4 del D. Lgs. n. 74/2000 per la mancata dichiarazione in Italia dei redditi percepiti all’estero, sul presupposto del suo assoggettamento agli obblighi tributari previsti per le persone fisiche fiscalmente residenti nel territorio dello Stato italiano. I giudici confermano quell’indirizzo consolidato secondo cui le presunzioni tributarie, pur non potendo assurgere ad elemento di prova diretta del fatto di reato, possono comunque operare in sede di giudizio cautelare quale elemento sufficiente a corroborare la sussistenza del fumus commissi delicti. In sede di merito, quindi, occorrerà reperire ulteriori elementi di prova della residenza in Italia per ritenere configurato il delitto contestato. Va poi considerato che la contestazione potrebbe venir meno per il rilievo che assumono le convenzioni contro le doppie imposizioni, le quali prevalgono sulle norme interne a prescindere dal fatto che nel Paese estero di residenza sia stato corrisposto il tributo in misura ordinaria.

The rule aimed at contrasting the transfer of the tax residence of natural persons and its valence in criminal proceedings between precautionary judgment and judgment on the merit. – Judgement No. 29095/2020 of the Court of Cassation offers interesting insights on issues related to the identification of the tax residence of individuals who emigrate from Italy to countries with privileged tax systems. The present case concerns a former professional footballer who is alleged to have violated art. 4 of Legislative Decree No. 74/2000 for the omitted declaration in Italy of income received abroad, on the assumption of his subjection to the tax obligations envisaged for natural persons who are tax resident in Italy. The judges confirm the existence of a consolidated approach according to which the tax presumptions, although not being able to become direct evidence of the crime, can still operate in the precautionary proceeding as a sufficient element to corroborate the existence of the fumus commissi delicti. During the trial, therefore, further evidence of the tax residence in Italy will have to be found in order to consider the alleged offence configurated. It should also be considered that the contestation could fail because of the relevance of the international conventions against double taxation which prevail over internal rules regardless of the tax payment in the foreign country.

 

 

Sommario: 1. Premessa – 2. Il caso esaminato e gli elementi probatori forniti dalle parti. – 3. La pronuncia cautelare della Cassazione. – 4. L’utilizzo della presunzione legale di residenza fiscale in ambito penale. – 5. Conclusioni: la rilevanza delle convenzioni contro le doppie imposizioni.

1. Nell’attuale momento storico, la globalizzazione del mercato e la delocalizzazione delle attività produttive hanno amplificato l’esigenza di effettuare continui spostamenti in Paesi stranieri per lo svolgimento dell’attività lavorativa o professionale. Ciò determina, talvolta, l’insorgere di delicate questioni concernenti l’individuazione della residenza fiscale delle persone fisiche. Il fenomeno – com’è noto – riguarda in particolar modo personaggi dello spettacolo o sportivi professionisti che, per esigenze connesse all’attività svolta, operano a livello mondiale e che non di rado trasferiscono all’estero la propria residenza fiscale. Nella maggior parte dei casi l’amministrazione finanziaria contesta la natura fittizia del trasferimento, sostenendo il mantenimento in Italia del domicilio del soggetto.

In questo contesto si inserisce la sentenza Cass. Pen., Sez. III,  n. 29095/2020, che riguarda proprio un ex calciatore professionista, M.V., al quale viene contestata la violazione dell’art. 4 del D. Lgs. n. 74/2000 per non aver dichiarato in Italia i redditi percepiti per le prestazioni sportive rese all’estero nelle annualità dal 2014 al 2017, sul presupposto del suo assoggettamento agli obblighi tributari previsti per le persone fisiche fiscalmente residenti nel territorio dello Stato italiano, per le quali vale il principio della tassazione del reddito mondiale.

La pronuncia offre interessanti spunti di riflessione sulle problematiche penali connesse alla contestazione della residenza fiscale delle persone fisiche che, dall’Italia, emigrano in territori esteri aventi un regime fiscale privilegiato, con particolare riguardo alla rilevanza nel processo penale della normativa di contrasto presente nel testo unico delle imposte sui redditi (art. 2, comma 2-bis, T.U.I.R.), la quale prevede per questi soggetti una presunzione relativa di residenza.

Essa, peraltro, va apprezzata anche con riguardo al tema dell’efficacia delle disposizioni di natura convenzionale volte ad evitare casi di doppia imposizione internazionale.

Occorre avvertire da subito che, trattandosi di una sentenza penale resa in ambito cautelare, le conclusioni cui essa giunge non possono essere estese al successivo giudizio di merito.

2. Com’è noto, la nozione di residenza fiscale assume una significativa rilevanza al fine di determinare l’an e il quantum del prelievo tributario, posto che nel nostro sistema fiscale sono previsti differenti metodi di tassazione dei redditi delle persone fisiche a seconda del fatto che questi soggetti siano o meno residenti nel territorio dello Stato italiano. In particolare, mentre le persone fisiche fiscalmente residenti sono soggette a imposizione sui redditi ovunque prodotti, secondo il principio della tassazione del reddito mondiale (worldwide income taxation), i non residenti sono tenuti al pagamento dell’imposta unicamente sui redditi che si considerano prodotti nel territorio dello Stato italiano ai sensi dell’art. 23 T.U.I.R. (principio della territorialità o source taxation).

La nozione di residenza fiscale rilevante ai fini dell’applicazione dell’imposta sui redditi delle persone fisiche è definita dal legislatore nell’art. 2 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, secondo cui “ai fini delle imposte sui redditi si considerano residenti le persone che per la maggior parte del periodo d’imposta sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza ai sensi del codice civile” (comma 2). Le nozioni di residenza e domicilio sono mutuate dalle previsioni civilistiche; la prima, pertanto, si traduce nel concetto di dimora abituale, mentre il secondo rappresenta la sede principale degli affari e degli interessi della persona.

Tali requisiti sono alternativi tra loro ed è, dunque, sufficiente il verificarsi di uno solo di essi affinché un soggetto sia considerato fiscalmente residente nello Stato italiano e sia, dunque, tenuto a dichiarare in Italia tutti i redditi posseduti, indipendentemente dal luogo in cui essi siano stati prodotti.

Orbene, nel caso di specie il Fisco ha ritenuto, alla luce degli elementi raccolti nell’esercizio dei suoi poteri istruttori, che il contribuente, pur avendo dichiarato di aver trasferito la sua residenza fiscale all’estero, abbia di fatto mantenuto in Italia la sede principale dei suoi affari ed interessi, e quindi il suo domicilio ai sensi dell’art. 43 c.c. Di conseguenza, egli avrebbe dovuto dichiarare in Italia i redditi percepiti per le prestazioni sportive effettuate all’estero nelle annualità dal 2014 al 2017 alle dipendenze di una società sportiva con sede in Abu Dhabi.

Considerato l’elevato ammontare delle imposte asseritamente evase dal contribuente, è stato avviato un procedimento penale nei suoi confronti, nell’ambito del quale è stato emesso un decreto di sequestro preventivo dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lecce, in seguito confermato con ordinanza del Tribunale del Riesame, con riferimento alla fattispecie di reato di cui all’art. 4 del D. Lgs. n. 74/2000.

Il fatto che sia stata contestata al contribuente la violazione dell’art. 4 e non già dell’art. 5 del D. Lgs. n. 74/2000 – il quale definisce il reato di omessa dichiarazione – lascia presupporre che il contribuente abbia presentato la dichiarazione tributaria in relazione ai fatti imponibili realizzati, negli anni oggetto di accertamento, nel territorio dello Stato italiano ai sensi dell’art. 23 T.U.I.R.

Ciò detto,  merita di essere evidenziato che nei casi di c.d. «esterovestizione della persona fisica» sarebbe, invero, possibile contestare al contribuente il reato di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici di cui all’art. 3 del D. Lgs. n. 74/2000, per il quale è prevista una soglia di punibilità più bassa e una pena più severa rispetto al reato di infedele dichiarazione (sul tema, cfr. DI SIENA, Il fenomeno della fittizia residenza estera nella prospettiva criminale tributaria, in Il Fisco, n. 1/2003, 1845). Secondo quanto disposto dal novellato articolo 1, lettera g-ter) del citato decreto, infatti, “per «mezzi fraudolenti» si intendono condotte artificiose attive nonché quelle omissive realizzate in violazione di uno specifico obbligo giuridico, che determinano una falsa rappresentazione della realtà”. È sostenibile, pertanto, che tale reato si configuri anche con riferimento a soggetti formalmente residenti all’estero qualora questi abbiano assunto delle iniziative idonee a dissimulare la realtà, cioè la sussistenza della residenza in Italia in relazione al mantenimento di legami economici o personali nel territorio dello Stato italiano.

Con riferimento alla fattispecie in esame, i giudici di merito hanno ritenuto che, nelle annualità coinvolte, l’indagato avesse mantenuto in Italia il centro dei propri interessi, in virtù di una serie di “indici che legavano il ricorrente al territorio italiano, con particolare riguardo al versamento di contributi per collaboratori domestici, ai numerosi rapporti finanziari correnti, alla proprietà di autoveicoli e motoveicoli, alla titolarità di immobili ed utenze in Lecce ed a Roma, alle rilevanti spese sostenute (ammontanti sempre a numerose centinaia di migliaia di euro), alla stipula di contratti immobiliari”. Ancora, il Tribunale ha esaminato “la frequentazione degli istituti scolastici da parte dei figli del ricorrente, verificandone i periodi effettivi e controllando al riguardo anche i timbri di ingresso ed uscita dagli Emirati Arabi; analoga dettagliata verifica, inoltre, è contenuta nell’ordinanza quanto ai periodi di formale residenza all’estero degli stessi familiari”.

Avverso tale ordinanza del Tribunale del Riesame di Lecce il contribuente ha presentato ricorso in Cassazione, deducendo l’inosservanza e l’erronea applicazione dell’art. 4 del D. Lgs. n. 74/2000 e dell’art. 321 c.p.p.

Secondo il contribuente, il Tribunale non avrebbe adeguatamente valutato l’ampia documentazione fornita, dalla quale risulterebbe che egli, negli anni oggetto di accertamento, avrebbe stabilito negli Emirati Arabi Uniti il centro dei propri interessi vitali, lì trasferendosi anche la moglie ed i figli, che avrebbero pure ottenuto il passaporto dalle autorità locali. Il contribuente ha dimostrato di disporre di un’abitazione negli Emirati Arabi, di un autoveicolo con patente di guida rilasciata dallo stesso Stato, nonché di essere ivi iscritto ad un esclusivo circolo privato. E ancora, in quanto calciatore professionista, negli anni di interesse egli avrebbe svolto la propria attività professionale negli Emirati, alle dipendenze di una società sportiva con sede in Abu Dhabi, con la costante presenza sul posto per partecipare agli allentamenti, ai ritiri della squadra e alle varie competizioni.

Il contribuente ha eccepito, inoltre, che il Tribunale non avrebbe tenuto nel debito conto quanto disposto dalla Convenzione contro le doppie imposizioni conclusa tra l’Italia e gli Emirati Arabi, la quale – riprendendo il Modello OCSE di Convenzione – indica quali criteri debbano essere adottati per risolvere eventuali casi di doppia residenza fiscale (c.d. dual residence).

Le norme convenzionali vengono in rilievo laddove due Stati considerino lo stesso soggetto come residente nel proprio territorio, assoggettandolo ad una tassazione globale sui propri redditi. Tali regole, definite tie breaker rules, prevalgono sulla legislazione interna e consentono di stabilire quale Paese debba ritenersi di effettiva residenza del soggetto, e quale debba invece rinunciare al proprio potere impositivo. In particolare, l’art. 4 del Modello di Convenzione OCSE, al paragrafo 1, definisce “residente di uno Stato contraente” qualsiasi persona che, in base alle leggi di tale Stato, è soggetta a imposizione fiscale sulla base del suo domicilio, della sua residenza, del luogo di direzione o di ogni altro criterio avente natura similare. Il paragrafo 2 prevede invece una serie di criteri, elencati in ordine gerarchico, in base ai quali la persona fisica che risulti residente di due Stati contraenti dev’essere considerata residente nello Stato in cui ha un’abitazione permanente, o – qualora abbia un’abitazione in entrambi gli Stati – nello Stato nel quale le sue relazioni personali ed economiche sono più strette (centro degli interessi vitali), o, in subordine, dove soggiorna stabilmente. Se la persona soggiorna abitualmente in entrambi gli Stati contraenti o non soggiorna abitualmente in alcuno di essi, è considerata residente nello Stato di cui ha la nazionalità; laddove neanche questo criterio possa operare, le autorità competenti degli Stati contraenti risolvono la questione di comune accordo.

Orbene, nel caso di specie, il ricorrente, negli anni oggetto di contestazione, soggiornava stabilmente fuori dall’Italia e aveva un’abitazione e i suoi interessi negli Emirati Arabi. Egli ha pertanto sostenuto di doversi considerare, sulla base della normativa convenzionale, residente non più in Italia, bensì negli Emirati Arabi Uniti e ha chiesto di conseguenza alla Corte l’annullamento dell’ordinanza impugnata.

3. Alla luce degli elementi forniti dalle parti, i giudici di legittimità hanno evidenziato innanzitutto che il ricorso presentato dal contribuente di fatto ha riproposto alla Corte le stesse considerazioni di merito già sottoposte ai giudici della cautela, chiedendone un inammissibile, ulteriore esame.

L’art. 325 c.p.p. stabilisce, infatti, che il ricorso in cassazione avverso provvedimenti cautelari reali sia ammissibile soltanto per motivi attinenti alla violazione di legge. A tal proposito la Corte ha chiarito che “nella nozione di ‘violazione di legge’ rientrano, in particolare, la mancanza assoluta di motivazione o la presenza di motivazione meramente apparente, in quanto correlate all’inosservanza di precise norme processuali, ma non l’illogicità manifesta, la quale può denunciarsi nel giudizio di legittimità soltanto tramite lo specifico e autonomo motivo di ricorso di cui all’art. 606, lett. e), c.p.p.”.

Il ricorso presentato dal contribuente “ripropone gli elementi che – nell’ottica difensiva – attesterebbero che l’atleta, tra il 2014 e il 2017, avrebbe tenuto all’estero il centro primario dei propri interessi e delle proprie relazioni, ma con ciò non evidenzia alcuna effettiva violazione di legge ravvisabile nell’ordinanza [impugnata], specie nell’ottica di una motivazione assente o di mera apparenza. Con il ricorso, in sintesi, si lamenta un’errata od insufficiente lettura dei documenti prodotti dalla difesa, con valutazione propria del merito, così però ponendosi l’atto all’esterno del rigoroso alveo di intervento che l’art. 325 c.p.p. consente in materia alla Corte di legittimità.”.

Con la sentenza in rassegna la Corte ha, pertanto, dichiarato inammissibile il ricorso presentato dal contribuente, in quanto ha ritenuto priva di vizi l’ordinanza con cui il competente Tribunale del riesame aveva applicato la misura del sequestro preventivo delle somme asseritamente evase.

L’ordinanza impugnata – lungi dal presentare il grave vizio motivazionale richiamato – si sviluppa, invero, su un percorso argomentativo del tutto logico, fondato, come si è visto, su molteplici e concreti elementi di indagine tali da riscontrare il fumus commissi delicti, vale a dire la circostanza che l’indagato avesse mantenuto, nelle annualità contestate, la residenza fiscale in Italia ai sensi dell’art. 2 T.U.I.R., con conseguente omessa dichiarazione dei redditi percepiti all’estero.

In particolare, la Cassazione ha messo in rilievo il fatto che il Tribunale del riesame, nell’ordinanza impugnata, abbia evidenziato che gli Emirati Arabi rappresentano un Paese a fiscalità privilegiata, per cui opera la presunzione relativa di residenza in Italia di cui all’art. 2, comma 2-bis, T.U.I.R., in base al quale si considerano fiscalmente residenti in Italia, salvo prova contraria, i cittadini italiani cancellati dalle anagrafi della popolazione residente ed emigrati in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato individuati dal D.M. 4 maggio 1999 (c.d. black list); presunzione che il contribuente avrebbe potuto superare, dimostrando la “perdita di ogni significativo collegamento con lo Stato italiano” e, parallelamente, fornendo la prova “di una reale e duratura localizzazione nel Paese fiscalmente privilegiato”. Prova che, però, il ricorrente non ha fornito relativamente agli anni in contestazione.

Quanto all’applicabilità, nel caso di specie, dei criteri stabiliti dalla Convenzione contro le doppie imposizioni sottoscritta tra Italia ed Emirati Arabi, la Corte ha rilevato come – sia davanti ai giudici della cautela, sia nel ricorso in cassazione – il contribuente non abbia dimostrato di aver effettuato il pagamento delle imposte negli Emirati e, dunque, di essere effettivamente soggetto a tassazione nel Paese estero.

È pur vero – ha sottolineato la Corte – che, ai fini dell’applicazione della normativa convenzionale, rileva anche solo il potenziale assoggettamento alla fiscalità dello Stato contraente, “essendo lo scopo delle convenzioni bilaterali quello di eliminare la sovrapposizione dei sistemi fiscali nazionali ed agevolare l’attività economica internazionale”. Tuttavia, “nell’ipotesi di un provvedimento cautelare – nel caso di specie, un sequestro – quello che viene in rilievo è il fumus del reato, che deve valutarsi anche in concreto in relazione agli esborsi fiscali del ricorrente (o all’estero o in Italia)”. Anche per questo aspetto risulta, dunque, legittima l’ordinanza emessa dal Tribunale del riesame.

4. La questione centrale che emerge dalla lettura della decisione della Corte di Cassazione, come si è visto, è rappresentata dal fatto che è stata ritenuta applicabile la presunzione relativa di residenza di cui all’art. 2, comma 2-bis, T.U.I.R.

Quest’ultima norma è stata introdotta al fine di contrastare il fenomeno della cosiddetta «esterovestizione della persona fisica», la quale consiste proprio nella fittizia localizzazione della residenza fiscale in Paesi o territori diversi dall’Italia al fine di sottrarsi agli adempimenti tributari previsti dall’ordinamento di reale appartenenza e beneficiare, nel contempo, del regime fiscale più favorevole vigente altrove (cfr. CORASANITI, Le misure di contrasto ai paradisi fiscali per le imprese e le persone fisiche, in Dir. prat. trib., 2016, 87 ss.).

Orbene, innanzitutto merita di essere sottolineato il fatto che nella sentenza in esame non si fa espressamente riferimento all’avvenuta cancellazione del contribuente dall’anagrafe della popolazione residente in Italia e alla sua successiva iscrizione nell’anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE). Evidentemente è da ritenersi implicita l’avvenuta cancellazione del contribuente dall’anagrafe della popolazione residente. Com’è noto, infatti, l’iscrizione anagrafica in un comune italiano è un dato preclusivo di ogni ulteriore accertamento ai fini dell’individuazione del soggetto passivo d’imposta, in quanto costituisce una presunzione assoluta di residenza fiscale in Italia. Laddove fosse avvenuta tale iscrizione anagrafica e il contribuente non ne avesse in seguito richiesto la cancellazione, non si sarebbe posto, pertanto, il problema di fornire elementi probatori atti a dimostrare la natura fittizia del suo trasferimento all’estero, posto che al contribuente sarebbe stata preclusa ogni possibilità di provarne la natura effettiva.

Occorre osservare, inoltre, che il ricorrente non era presumibilmente iscritto all’AIRE, in quanto tale registro è riservato ai soli cittadini italiani che si cancellano dall’anagrafe della popolazione residente e si trasferiscono all’estero. Per quel che ci risulta, il soggetto in questione ha cittadinanza montenegrina. Non vi sarebbero, pertanto, i presupposti né per l’iscrizione all’AIRE, né per l’applicazione dell’art. 2, comma 2-bis, T.U.I.R., posto che l’inversione dell’onere della prova ivi previsto si applica esclusivamente ai “cittadini italiani cancellati dall’anagrafe della popolazione residente” che si siano trasferiti in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato.

Assunto ciò, già sul piano della contestazione amministrativa/tributaria, non sarebbe possibile pretendere che l’atleta dimostri la natura effettiva del suo trasferimento all’estero, bensì l’Amministrazione finanziaria dovrebbe provare che il contribuente, negli anni oggetto di accertamento, abbia mantenuto in Italia la propria dimora abituale ovvero la sede principale dei suoi affari ed interessi per la maggior parte del periodo d’imposta.

Invero, scorrendo la sentenza, sembra che l’Amministrazione non si sia limitata ad avvalersi della presunzione di cui all’art. 2, comma 2-bis, T.U.I.R. per affermare la residenza fiscale in Italia del contribuente e legittimare la pretesa impositiva nei suoi confronti. Sono stati, infatti, prospettati molteplici e concreti elementi probatori tali da far emergere il legame del ricorrente con il territorio dello Stato italiano negli anni oggetto di accertamento. In questa misura, è sostenibile che, anche laddove risultasse esclusa l’applicabilità nel caso di specie dell’art. 2, comma 2-bis, T.U.I.R., l’atto impositivo notificato al contribuente non sarebbe da considerare illegittimo perché privo di un adeguato supporto probatorio.

Sul piano penale, la Cassazione, nel valutare la legittimità dell’ordinanza impugnata dal contribuente, ha riportato nella sentenza il complesso ed articolato percorso motivazionale del Giudice del riesame, ritenuto dalla Corte “frutto di una diffusa verifica del materiale istruttorio in atti, all’esito della quale il Tribunale – con argomento non censurabile – ha concluso per la sussistenza del fumus del delitto contestato, assumendo che il ricorrente avesse mantenuto effettivo e sostanziale domicilio in Italia per almeno 183 giorni in ciascuno degli anni coinvolti, sì da doversi confermare l’ipotesi accusatoria di cui all’art. 4, D. Lgs. n. 74 del 2000, nei termini dell’omessa dichiarazione dei redditi percepiti negli Emirati Arabi Uniti”.

La sentenza in rassegna risulta, invero, in linea con un orientamento ormai consolidato secondo cui le presunzioni tributarie, pur non potendo assurgere ad elemento di prova diretta del fatto di reato, possono comunque operare in sede di giudizio cautelare quale elemento sufficiente a corroborare la sussistenza del fumus commissi delicti e, di conseguenza, legittimare l’adozione della misura cautelare reale.

La Corte di Cassazione, sia pur con riferimento al problema specifico della quantificazione dell’imposta effettivamente dovuta da effettuare in sede penale, ha in più occasioni ribadito che le presunzioni tributarie, pur essendo fonti di innesco del procedimento penale, degradano in tale sede a meri indizi di evasione fiscale da valutare insieme ad altri riscontri, secondo il prudente apprezzamento del giudice, al fine di ritenere provata la condotta evasiva (Cass. n. 15899/2016; Cass. n. 26196/2019). Esse, quindi, isolatamente considerate, non possono costituire fonte di prova della commissione del reato; per assurgere a dignità di prova dovranno trovare un riscontro oggettivo in distinti elementi probatori o in altre presunzioni, purché gravi, precise e concordanti (Cass. n. 36915/2020).

Le presunzioni legali tributarie possono, tuttavia, essere utilizzate nell’ambito del giudizio cautelare finalizzato al sequestro preventivo per giustificare la misura da adottare (Cass. n. 38142/2016; Cass. n. 26724/2018; Cass. n. 44562/2018). In proposito va ricordato, infatti, che “in tema di sequestro preventivo non è necessario valutare la sussistenza di gravi indizi di colpevolezza a carico della persona nei cui confronti è operato il sequestro, essendo sufficiente che sussista il fumus commissi delicti, vale a dire l’astratta sussumibilità in una determinata ipotesi di reato del fatto contestato” (Cass. n. 35659/2018).

5. Alla luce di queste considerazioni, è ipotizzabile che nel caso di specie, sebbene la Corte di Cassazione abbia ammesso la legittimità del provvedimento adottato in sede cautelare sulla base degli elementi – anche di natura presuntiva – forniti dalle parti, il giudice penale, in sede di merito, non giunga a pronunciare la sentenza di condanna e a disporre la confisca dei beni del contribuente. Innanzitutto poiché, come detto, in sede di giudizio di merito le presunzioni tributarie non assumono valenza probatoria – semmai indiziaria – e, pertanto, spetterà al Pubblico Ministero fornire le prove per dimostrare la residenza fiscale in Italia del contribuente, senza potersi avvalere dell’inversione dell’onere della prova di cui all’art. 2, comma 2-bis, T.U.I.R. È infatti principio innato al processo penale quello per cui compete sempre all’accusa provare l’integrazione sotto il profilo oggettivo e soggettivo della fattispecie criminosa, a nulla rilevando una diversa disciplina dell’onere probatorio, che non potrà mai incombere sull’imputato (MELIS, Il trasferimento della residenza fiscale nell’imposizione sui redditi: profili critici e ipotesi ricostruttive, Aracne, 2008). In secondo luogo, la stessa Corte ha messo in evidenza il fatto che le norme convenzionali trovano applicazione al fine di risolvere i casi di c.d. doppia residenza a prescindere dall’effettivo pagamento delle imposte nel Paese estero da parte del contribuente.

Nella pronuncia in esame non è stata riconosciuta l’applicabilità in concreto dei criteri stabiliti dalla Convenzione contro le doppie imposizioni stipulata tra l’Italia e gli Emirati Arabi in quanto, dovendosi valutare la legittimità di un provvedimento cautelare, quello che viene in rilievo è il fumus del reato, la cui sussistenza dev’essere verificata anche in concreto in relazione agli esborsi fiscali del ricorrente. Superata la fase cautelare, però, le norme convenzionali tornano ad assumere piena rilevanza e si è visto come, sulla base dei criteri stabiliti dalla Convenzione – i quali prevalgono rispetto a quelli stabiliti dalla normativa interna –, il contribuente sia da considerarsi fiscalmente residente negli Emirati Arabi, e non già in Italia. Non vi sarebbero, dunque, i presupposti per la configurabilità del reato di cui all’art. 4, D. Lgs. n. 74 del 2000, non essendo tenuto il contribuente, in quanto non residente, a dichiarare in Italia i redditi posseduti all’estero.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

 

ARGINELLI, Riflessioni sull’interpretazione delle convenzioni bilaterali per evitare le doppie imposizioni conformi al Modello OCSE, in Riv. dir. trib., n. 5/2016, 148

BUCCISANO, Il ruolo della residenza fiscale delle persone fisiche nell’imposizione sui redditi, e la introduzione di un nuovo discutibile criterio di tassazione per i “neo-residenti”, in Riv. dir., trib., n. 5/2018, 25

CARACCIOLI, Applicazioni giurisprudenziali tributarie dell’esterovestizione: preliminari considerazioni penalistiche a futura memoria, in Riv. dir. trib., n. 3/2008, 104

CERRATO, La rilevanza del Commentario OCSE a fini interpretativi: analisi critica dei più recenti indirizzi giurisprudenziali, in Riv. dir. trib., n. 4/2009, 11

CONTRINO – DOMINICI, Condoni e residenza fiscale delle persone fisiche in Corr. trib., 2010, n. 7.

CORASANITI, Le misure di contrasto ai paradisi fiscali per le imprese e le persone fisiche, in Dir. prat. trib., 2016, 87

DENARO, Commette dichiarazione infedele chi trasferisce fittiziamente la residenza in un Paese Black List, in Il fisco, n. 44/2020, 4277

DI SIENA, Il fenomeno della fittizia residenza estera nella prospettiva criminale tributaria, in Il Fisco, n. 1/2003, 1845

MAISTO, La residenza fiscale delle persone fisiche emigrate in Stati o territori aventi regime tributario privilegiato, in Riv. dir. trib., n. 4/1999, 51

MARIANETTI, Decisivo il domicilio nella determinazione della residenza fiscale, in Corr. Trib., 2013, n. 47, 3738

MARINI, La residenza delle persone fisiche nell’imposizione sui redditi, in Dir.prat.trib., n. 3/2008, 1099

MARINO,  La residenza nel diritto tributario, Padova, 1999

MASTELLONE, L’utilizzo delle presunzioni tributarie nel processo penale, in Riv. trim. dir. trib., 2015, 451

MELIS, Il trasferimento della residenza fiscale nell’imposizione sui redditi: profili critici e ipotesi ricostruttive, Aracne, 2008

PEDDIS, Considerazioni sugli effetti dell’iscrizione all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero nel trasferimento della residenza fiscale, in Riv. dir. trib., n. 6/2016, 339

PICOTTI, Sulla rilevanza delle presunzioni tributarie nel procedimento cautelare reale e nell’accertamento del fatto di reato, in Giurisprudenza Penale Web, 2019, 1

Scarica il commento in formato pdf

Tag:, , , , , , , , , , ,