La qualificazione giuridica e il trattamento fiscale delle criptovalute

Di Maria Pierro -

L’Amministrazione finanziaria, in controtendenza rispetto alle indicazioni della dottrina, di parte della giurisprudenza, della Banca d’Italia, della BCE, considera la criptomoneta al pari di una valuta estera, e la sottopone al trattamento impositivo per essa previsto ai fini delle imposte dirette e Iva. Un contributo importante ad una definizione generale applicabile in ogni settore dell’ordinamento giuridico è dato dalla V Direttiva antiriciclaggio che, recepita in Italia dal D.lgs. n. 125/2019, qualifica la criptomoneta quale mezzo di scambio per l’acquisto di beni e sevizi o per finalità di invest imento.

Contrary to the indications of the doctrine, part of the jurisprudence, the Bank of Italy, the ECB, Tax authorities consider the cryptomoneta as a foreign currency subject to the relevant tax treatment provided for direct taxes and VAT purposes. An important contribution to a general definition applicable in every area of law is given by the V Anti-Money Laundering Directive, as implemented in Italy by Legislative Decree no. 125 of 2019, that qualifies the cryptomoneta as a