La nuova dimensione europea della regolamentazione del transfer pricing e la progressiva trasformazione delle modalità di esercizio della funzione impositiva degli Stati

Di Gianluca Selicato -

Sollecitato dagli sviluppi del diritto internazionale e dal ruolo fondamentale dell’OCSE, il diritto europeo sembra conquistare un ruolo strategico nella disciplina del transfer pricing. Il rigore della legislazione europea corrobora le ‘moral suasion’ della soft law nel superamento delle asimmetrie e dei conflitti che i principi di carattere generale e le raccomandazioni non riescono a risolvere. La dimensione europea del ‘transfer pricing’ appare così più appagante, nella duplice prospettiva procedimentale e processuale, rispetto a quella internazionale.

Supported by developments in international law and the fundamental role of the OECD, European law seems to have a strategic role in the regulation of transfer pricing. Within the harmonized space, the rigor of European legislation corroborates the ‘moral suasion’ of soft law in overcoming the asymmetries and conflicts that the general principles and the recommendations cannot solve. The European dimension of the ‘transfer pricing’ could therefore be more satisfactory then the international one, in the dual procedural and processual perspective.