Evoluzione e regime intertemporale della disciplina fiscale delle stock option al cospetto della clausola generale (statutaria) che vieta la retroattività per i tributi periodici (nota a Cass. n. 18917/2018)

Di Angelo Contrino -
Nella sentenza in commento è stata esclusa l’applicabilità dell’art. 3, comma 1, L. n. 212/2000, quale clausola generale di diritto intertemporale operante in assenza di un regime transitorio in deroga espressa, ed è stata ritenuta applicabile ai c.d. piani in corso la nuova (e peggiorativa) disciplina fiscale in materia di stock option recata dal D.L. n. 262/2006, sul presupposto che tale disciplina fiscale non integri il requisito della “periodicità”: invero, tale requisito va riferito e accertato con riguardo al “tributo” su cui si innesta la disciplina fiscale in questione, ossia l’Irpef, non costituendo regime fiscale autonomo. Inoltre, e contrariamente a quanto ritenuto in altre pronunce di legittimità anteriori e successive a quella in commento, l’operatività della clausola statutaria e il susseguente rinvio dell’efficacia del D.L. n. 262/2006 non possono essere esclusi richiamando la giurisprudenza formatasi con riguardo alla disciplina fiscale delle stock option di cui al D.lgs. n. 505/1999, né applicando la disposizione transitoria del D. L. n. 223/2006, che aveva modificato la disciplina fiscale in materia di stock option prevista dal Testo Unico anteriormente al D. L. n. 262/2006, applicabile alle fattispecie sottoposte al vaglio della Suprema Corte.
The Italian Supreme Court, in several recent judgments, ruled that article 3 of the Law n. 212/2000 (according to which any Law that amends the discipline of “periodic taxes” shall take effect from the fiscal year following the one in which that Law has entered into force) doesn’t cover the stock options’ tax discipline set forth in the decree (“decreto legge”) n. 262/2006. More specifically, according to the Court, this discipline applies to all stock options plans that, in the date of the entry into force of the decree n. 262/2006, were already granted to – but not yet exercised by – their owners. This Article challenges the grounds of these decisions and demonstrates that, pursuant to article 3 of the Law n. 212/2000, the decree n. 262/2006 is applicable only to stock options plans that have been both granted and exercised after the 1st of January 2007, i.e. after the fiscal year following the one in which such decree has entered into force.