L’esenzione degli utili e delle perdite della stabile organizzazione estera di un’impresa residente (c.d. branch exemption)

Di Pietro Piccone Ferrarotti -

L’introduzione nell’ordinamento tributario italiano del regime di branch exemption su base opzionale, apre le porte all’adozione da parte delle imprese multinazionali italiane di una nuova modalità per l’eliminazione della doppia imposizione internazionale, alternativa rispetto al credito per le imposte assolte all’estero. L’applicazione di questo nuovo regime comporta significative complessità applicative con particolare riferimento alla determinazione del reddito esente, ai rapporti tra casa madre e stabili organizzazioni ed alle operazioni straordinarie.

The introduction in the Italian tax system of the branch exemption regime, on an optional basis, provides Italian multinational enterprises with a new opportunity to mitigate international double taxation on income, alternative to foreign tax credit. The application of this new regime implies significant complexities with particular reference to the determination of the exempt income, the relationships between the headquarters and its permanent establishments and M&A transactions.