Possesso e disponibilità nell’imposizione sul patrimonio immobiliare.

Di Roberta Corriere -

La corretta individuazione del presupposto impositivo I.c.i. (nonché I.m.u.) ha rappresentato questione controversa sin dall’istituzione di tale tributo. La Corte di Cassazione con sentenza n° 22216 del 30.10.2015 ha fornito l’occasione per svolgere una serie di riflessioni in merito all’esatta accezione con cui debba intendersi il termine “possesso” in
relazione al concetto di “disponibilità”. Diversamente da quanto sostenuto dal giudice di legittimità si è giunti alla conclusione che il prelievo fiscale non possa prescindere da tale ultima condizione per potersi ritenere giustificato alla luce de i principi costituzionali e del sistema tributario complessivamente inteso.
The proper recognition of the tax condition of the I.c.i. (and the I.m.u. as well) has been a controversial issue since the establishment of such a tribute. The Court of Cassation, with the Judgement number 22216 of october 30th 2015 offered the chance to open some discussions about the accurate meaning which has to be given to the term “possession” relative to the concept of “availability”. Disagreeing with the Italian Supreme Court we came to the conclusion that the fiscal withdrawal cannot disregard such latter condition to hold to be justified according to the constitutional principles, the tax law system, as well as the rationality rule.